Derive: vi faccio vedere come muore un’italiana

di Wallace Henry Hartley

A Niscemi, in provincia di Caltanissetta, una ragazza di 14 (quattordici) anni viene percossa a calci e pugni, strangolata con una corda, bruciata e gettata in un pozzo legata ad un masso. Secondo le indagini e a quanto scrive Repubblica, la ragazza, fidanzata con un 17enne, veniva spesso “ceduta” a due amici di lui, un 16enne e un 15enne: i tre l’avrebbero ammazzata dopo che lei avrebbe rilevato di essere incinta di uno di loro.

A Firenze una ragazza di 16 (sedici) anni, malata di diabete, muore dopo che i genitori erano stati convinti da una sedicente omeopata di Udine – una che a quanto riporta il Corriere on line, curava le proprie gambe “rovinate” coprendole con il cellophane – a interrompere la somministrazione di insulina e sostituirla con massicce dosi di vitamine C ed E. Il decesso arriva dopo due settimane di sofferenze.

A Pesaro una ragazza di 16 (sedici) anni confessa ai suoi genitori di essersi innamorata di una sua amica 18enne. Dopo qualche giorno, all’ora di pranzo, la madre afferra una lama e – in preda ad un raptus, sostiene il Corriere – si scaglia contro la figlia per accoltellarla. La ragazza si salva solo perché la lama, fortunosamente, colpisce la fibbia della sua cintura.

Annunci