Bye bye Mumbai. Ovvero: giornalisti ignoranti e pecoroni

di Wallace Henry Hartley

Bombe a Mumbai, terroristi a Mumbai, sangue a Mumbai.

Ma dov’è Mumbai? Chiedetelo al vostro vicino di scrivania, per fare un test. Non lo saprà, molto probabilmente. E non lo saprà perché non l’ha mai sentita nominare, questa Mumbai.

immagine-1Poi scopri che Mumbai è il nome che hanno dato a Bombay, dal 1995 a questa parte. Lo scopri perché qualche giornale lo scrive tra parentesi, oppure perché ti arrendi a vai su wikipedia. Però fino a ieri, tutti i giornali scrivevano Bombay, Bombay e Bombay. Andatevi a guardare Google News, fate una ricerca ordinata per data: noterete, stupefatti, che fino al giorno prima dell’attentato qualunque testata scriveva di Bombay, non citando mai l’esistenza di questo secondo nome Mumbai.

Abbiamo il fondato sospetto che le nostre migliori penne si siano viste arrivare in redazione le agenzie (internazionali, of course) degli attentati, abbiano letto la dizione Mumbai, abbiano copiatoincollato senza farsi domande e buonanotte al cazzo. Da lì in poi la pigrizia ha fatto il resto, e i giornali hanno continuato a scrivere Mumbai. Con buona pace della chiarezza delle informazioni, con un attentato che per molta gente è avvenuto in una sconosciuta località indiana invece che in una delle metropoli più grandi del mondo.

Bravi. Complimenti.

Annunci