Se 295 euro al giorno vi sembran pochi… (sottotitolo: Mastella c’ha fame)

di Wallace Henry Hartley

L’ineffabile ex ministro della Giustizia (giuro) Clemente Mastella, ha le idee confuse sugli schieramenti politici – che interseca periodicamente come una cometa di Halley oscillante tra destra e sinistra – ma chiarissime su cosa sia la crisi: una cosa che riguarda solo noi poveri mortali e che a lui fa un emerito baffo.

Pare infatti che secondo l’uomo di Ceppaloni la diaria di 295 euro che il Parlamento Europeo concede agli eletti a Strasburgo-Bruxelles sia addirittura “una miseria”, una somma con la quale “non ci si sta dentro”. E non è che lo pensa e basta. No: secondo la ricostruzione di Repubblica, “lo urla in ascensore, sventolando furioso le carte che via via gli porgono i suoi assistenti”.

Va detto che i 295 euro sono per il vitto e per l’albergo. E in effetti 295 euro, per un cinquestelle dotato di tutti i comfort, potrebbero stare strettini, specie se a colazione uno mangia abitualmente caviale del Volga. Va però anche aggiunto che oltre ai 295 euro di diaria, i parlamentari europei guadagnano anche 7.666,31 lordi al mese, indicizzati sull’inflazione. Al netto, sono 5.700 euro. Con pensione dopo cinque anni, finito il mandato. Nel conto, poi, ci sono 4.402 euro al mese per spese generali: vere o no, non si deve dimostrare nulla. Solo essere presenti in aula almeno sette volte all’anno. Altri 17.570 euro mensili, invece, sono per l’indennità di segreteria: stipendi e spese degli assistenti scelti dal deputato. Finora anche questa cifra era intascata senza ricevute, magari per collaboratori condivisi fra deputati.

Certo, i biglietti aerei per la prima volta non sono rimborsati a forfait. I rimborsi di business class per biglietti low cost o per viaggi di gruppo in auto erano prassi diffusa. Così ora è obbligatoria la ricevuta. Idem per la benzina: 0,49 euro al km. Infine, 4.148 euro sono destinati a viaggi fuori dai rispettivi Stati e 149 euro al giorno, hotel escluso, per missioni extra-Ue.

La somma fatevela voi, cari lettori. Ma naturalmente sarà una miseria. Qualcuno, per caso, vuole partecipare ad una colletta a favore dell’onorevole Mastella?

Annunci