Il futuro dell’economia americana (e globale) in una partita di golf

di Wallace Henry Hartley

Gli Stati Uniti sono a rischio fallimento. La notizia è certificata dal Tesoro americano che nelle scorse settimane ha lanciato l’allarme: se entro il 2 agosto il Congresso – a maggioranza repubblicana – non varerà il piano di incremento del debito pubblico, il governo non sarà più in grado di rispettare i suoi impegni, con il rischio di un «catastrofico default», come una Grecia qualsiasi.

L’Amministrazione Obama deve fronteggiare il muro eretto dai repubblicani che chiedono tagli alla spesa pubblica ed evocano una «spirale neostatalista» a fronte del rifiuto, da parte del governo, di toccare capitoli giudicati strategici come gli investimenti nella green economy, il rilancio delle infrastrutture, il sistema scolastico e la ricerca.

Per uscire da questo stallo, informa oggi il sito del quotidiano La Stampa, il presidente Barack Obama e lo speaker della Camera, il repubblicano John Boehner, faranno come nella celeberrima pellicola italiana “Altrimenti ci arrabbiamo”: solo che invece che a birra e salsicce, alla maniera di Bud Spencer e Terence Hill che si contendevano la mitica Dune Buggy, Obama e Boehner se la giocheranno in una più prosaica partita di golf.

Il portavoce del presidente, Jay Carney, si dice fiducioso che «la diplomazia del golf» riuscirà a superare l’impasse: «Passare un certo numero di ore assieme in una cornice come una partita di golf – spiega Carney – non può che aumentare le possibilità di cooperazione bipartisan; certamente non nuoce, a patto che uno dei due non schiacci davvero l’avversario…».

Per favore, non si può tornare a essere seri?

Linkografia:
Obama, il golf l’ultima risorsa – LASTAMPA.it
Usa: tesoro; senza aumento tetto debito default 2 agosto – swissinfo.ch
Obama: Usa in default se il Congresso non alza il debito – DellEconomia.it

Annunci